Via Hammerbruch (placche di Lavorgo)

Antonella sul passaggio di A0

Antonella sul passaggio di A0

Qui le mie foto.

Bella via di 6 (o meglio 7 visto che l’ultimo è consigliabile spezzarlo in due) tiri. 280 m di sviluppo (2h abbondanti).

Antonella finisce di lavorare alle 12:30, quindi ora che è rientrata a casa e che ha mangiato qualcosa, siamo partiti verso le 13:15. Alle 14:30 siamo al parcheggio. Dopo 5 min di indugi azzecchiamo il sentierino giusto che, con qualche ometto qua e là, ci porta all’attacco della via. Siamo soli. Qualche rallentamento nel recupero dei secondi al primo tiro per aver dimenticato la piastrina, ma poi, una volta rodati, saliamo abbastanza velocemente. I primi 3 tiri li apre Francesca, gli ultimi 3 (che poi diventano 4), li apro io. Antonella ormai potrebbe anche andare da prima, ma meglio farle ancora imparare meglio le manovre e i nodi… Il terzo tiro ha un passaggio di A0 (artificiale, si deve aiutarsi con un chiodo). Forse è il mio primo passaggio davvero di A0, nel senso che spesso mi capitavano passaggi tosti con eventuale possibilità di azzeramento, ma questa volta invece è praticamente obbligatorio (il muro è davvero liscio e alto).

Per il resto la via non presenta difficoltà, anzi a tratti si può correre. Forse con il senno di poi avremmo potuto “osare” la via sullo spigolo, che presenta solo un passaggio di 5a+, per il resto è molto simile, se non addirittura più facile (almeno sulla carta) di quella fatta da noi. Avessimo avuto più ore di luce l’avrei azzardata, ma essendo molto tirati con gli orari per questa volta ci siamo accontentati di questa. Comunque dovessimo tornarci più che la via sullo spigolo mi piacerebbe fare la via ZZ, 12 tiri per 400 m di sviluppo (4c).

Durante la discesa, su sentiero (a sinistra viso a monte, il primo tratto con cavi metallici), abbiamo riempito due sacchetti di castagne. Davvero abbondanti e di ottima qualità: sti svizzeri sono avanti anche nella silvicoltura!🙂

Ora le mie scarpette necessitano delle cure di un risuolatore, avendo trovato un bel buco sulla punta della scarpetta destra. Magari mentre mi sistemano queste me ne compro un altro paio più tecnico, queste le tengo da usare sulle vie lunghe, quelle nuove in falesia o su vie davvero toste.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...