Speroni di Ponte Brolla: via Nika

Sergio all'ultima doppia: ore 22:15!

Sergio all’ultima doppia: ore 22:15!

Qui le mie foto.

via Nika, 7L (4c max): 3c, 3c, 4a, 3c, 4a, 3b, 4c

Che dire: sicuramente sapevo di fare tardi, certo speravo un po’ prima. Diciamo che avendo deciso all’ultimo non siamo stati veloci nel partire da casa. La prossima volta possiamo guadagnare facilmente due orette, molto utili per finire l’arrampicata con la luce. Comunque è stato divertente ed istruttivo: era da un po’ che non facevo così tante doppie consecutivamente. Un complimento a Daniela che ha tirato la sua cordata da prima, dopo una pausa arrampicatoria di 3 anni.Ultimamente cambio programma un po’ troppo di frequente… ma con le previsioni meteo così incerte era difficile prendere una decisione. Alla fine rinuncio alla due giorni su ghiaccio (Grande Aiguille Rousse) e decido di andare con Antonella e Daniela sopra Locarno, per scalare la via Nika, agli speroni di Ponte Brolla. All’ultimo si aggiunge anche Sergio, che aspettiamo una mezz’oretta in dogana… E’ tardissimo, arriviamo infatti al parcheggio alle 16! Alle 16: 30 attacchiamo la via: la relezione parla di 3 ore per fare l’intera via, inclusa la discesa in doppia… sono 7 tiri, siamo in 4, due cordate, ma per calarci dovremo usare solo le mie due mezze corde, perchè la corda intera di Sergio non è lunga abbastanza per fare le doppie da 40 m… Alle 19:30 siamo in cima, con il sole che è già basso all’orizzonte e con nuvole spesse che riducono ulteriormente la visibilità… iniziamo a scendere: io per primo, poi Anto, Sergio e per ultima Daniela. Alla seconda doppia c’è un momento di panico quando sembra bloccarsi la corda mentre la recuperiamo… giocando un po’ con i due capi delle due corde (per fortuna ancora entrambi nelle nostre vicinanze) riesco a sbloccare la corde e a recuperarle. Per pochi metri tra l’altro ho dovuto fare sosta su una betulla e non sull’anello da calata, d’altronde abbiamo cercato di unire due tiri, probabilmente un po’ più lunghi di 30 m ciascuno. Poco male, ci rifaremo con le successive: alla fine facciamo 5 doppie come da relazione, rimanendo concentrati sebbene le tenebre stessero calando inesorabilmente. Tocco il sentiero alle 22 in punto, con l’ultima doppia che arriva in fondo con pochi metri di corda di margine. Al buio pesto scendiamo lungo il sentiero, per fortuna ho una frontale con cui illumino il possibile. Alle 22:45  circa siamo alla macchina, soddisfatti di aver evitato una notte all’addiaccio!

Bravo anche Sergio, fresco di corso di alpinismo (CAI Malnate): anche se con qualche remora iniziale (comprensibile) se l’è cavata alla grande.

Tornati a casa Antonella ci ha preparato una cenetta coi fiocchi, ormai quasi all’una di notte!

Prossime vie in zona: Zombie, Alpha e poi Quarzader.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...